Scasada del Zenerù 2017, Ardesio

Attenzione! Non abbiamo avuto notizie certe sullo svolgimento della prossima edizione. Sulla base delle precedenti edizioni l'evento dovrebbe iniziare martedì 31 gennaio 2017 .

Prima di mettersi in viaggio vi consigliamo di contattare gli Enti Pubblici e/o Organizzatori.

Per segnalare eventuali errori scrivere a redazione@folclore.it

Con il 31 Gennaio, appuntamento astronomico considerato nell’antichità cerniera tra inverno e primavera, prendono il via i gelidi giorni della merla: in Alta Val Seriana la sera del 31 migliaia di partecipanti si unisco agli ardesiani per “scacciare” l’inverno, il freddo e la brutta stagione, facendo un gran baccano con campanacci, latte, raganelle piccole e giganti e tutto ciò con cui si può far rumore, in un corteo per le vie del paese che segue il famoso fantoccio, il quale, ogni anno con sembianze diverse, rappresenta la fredda stagione che sarà simbolicamente cacciata, bruciando attraverso un meraviglioso e suggestivo falò.

La manifestazione coinvolge spontaneamente gli abitanti, richiamandoli anche dai paesi circostanti, e li spinge all’aperto, sfidando il maltempo, tutti pronti, col maggior fracasso possibile, ad allontanare un altro terribile inverno.

Il “Zenerù” viene rappresentato da un pupazzo che alcuni giovani preparano per poi arderlo.

Ultima verifica domenica 10 gennaio 2016 a cura di Marco Panunzi

Informazioni e contatti

Pro Loco Ardesio
Tel./Fax: 0346/33289
www.prolocoardesio.it
info@prolocoardesio.it

Comune Di Ardesio
Via XXV Aprile, 1
Tel. 0346.33035

Pro Loco Ardesio
Piazza Monte Grappa, 3
Tel. 0346.33289

Categoria: Rievocazioni - Segnalato il: 02/01/2001 - Visite alla scheda: 14.954

Sito internet: Sito ufficiale- Google Maps

Attenzione! Non abbiamo avuto notizie certe sullo svolgimento della prossima edizione. Sulla base delle precedenti edizioni l'evento dovrebbe iniziare martedì 31 gennaio 2017.

Prima di mettersi in viaggio vi consigliamo di contattare gli Enti Pubblici e/o Organizzatori.

Per segnalare eventuali errori scrivere a redazione@folclore.it

Commenti