Corteo dei Re Magi 2018, Milano

Attenzione! Non abbiamo avuto notizie certe sullo svolgimento della prossima edizione. Sulla base delle precedenti edizioni l'evento dovrebbe iniziare sabato 6 gennaio 2018 .

Prima di mettersi in viaggio vi consigliamo di contattare gli Enti Pubblici e/o Organizzatori.

Per segnalare eventuali errori scrivere a redazione@folclore.it

Il Corteo dei Re Magi, una delle tradizioni più antiche di Milano, si svolge il giorno dell'Epifania e rievoca la visita dei tre Re a Gesù Bambino. Secondo la tradizione del calendario cristiano, infatti, sia in Occidente che in Oriente, il 6 gennaio si celebra la visita di alcuni Magi a Gesù Bambino, che si manifestò loro, sebbene pagani, come il Messia d'Israele.

Il corteo, accompagnato dalla banda comunale e da moltissimi figuranti in costume storico, oltre che da animali che fanno parte della scenografia, è molto seguito dai milanese che sono affezionati a questa antica tradizione.

Il percorso del Corteo va dal Duomo alla chiesa di Sant'Eustorgio, con una sosta presso la Basilica di San Lorenzo, dove si ricorda l'incontro dei Magi con Erode.

All'arrivo a Sant'Eustorgio avviene l'offerta dei Magi al Bambino nel presepe vivente e il saluto delle autorità civili e religiose alla cittadinanza.

Il corteo parte alle 11 e arriva alle 12 circa. Il percorso dal Duomo si snoda per via Torino, Colonne di San Lorenzo, Corso di Porta Ticinese e arriva in Piazza Sant'Eustorgio.

di Chiara Zirino

Ultima verifica lunedì 4 gennaio 2016 a cura di Chiara Zirino

Informazioni e contatti

http://www.visitamilano.it
telefono: 02 58101583

Categoria: Feste popolari - Segnalato il: 02/01/2001 - Visite alla scheda: 13.772

Sito internet: Sito ufficiale- Google Maps

Attenzione! Non abbiamo avuto notizie certe sullo svolgimento della prossima edizione. Sulla base delle precedenti edizioni l'evento dovrebbe iniziare sabato 6 gennaio 2018.

Prima di mettersi in viaggio vi consigliamo di contattare gli Enti Pubblici e/o Organizzatori.

Per segnalare eventuali errori scrivere a redazione@folclore.it

Commenti