Semina del grano 2018, Arbus

Attenzione! Non abbiamo avuto notizie certe sullo svolgimento della prossima edizione. Sulla base delle precedenti edizioni l'evento dovrebbe iniziare mercoledì 10 gennaio 2018 .

Prima di mettersi in viaggio vi consigliamo di contattare gli Enti Pubblici e/o Organizzatori.

Per segnalare eventuali errori scrivere a redazione@folclore.it

La semina del grano sarà effettuata in un terreno in loc. Sa Perda Marcada sulla SS 126 direzione Fluminimaggiore, adiacente all'incrocio per Ingurtosu. I visitatori potranno cimentarsi nella semina del grano. Seguirà alla semina sa sreppadura cun is bois, ossia la copertura delle sementi con la terra, ad opera dei gioghi di buoi.

Una tradizione millenaria quella dei carri a buoi ad Arbus, ancora e sempre più attuale grazie alla passione dei Carradoris per questi maestosi animali, emblema della Festa di Sant'Antonio, ma anche straordinari animali da lavoro.

Il grano duro cappelli, sarà poi mietuto a Luglio, con l'evento con il quale si chiude la Rassegna di Aspettando Sant'Antonio.

Per il pranzo ci si sposterà presso il ristorante "Il Minatore", a soli 3 km dal luogo della semina, all'ingresso di Ingurtosu. Il pranzo consisterà in antipasto di olive e formaggio, pasta di semola di grano duro sardo, arrosto misto, pane di semola, vino e dolci.

Al pranzo seguiranno laboratori e intrattenimenti.

Ultima verifica giovedì 7 gennaio 2016 a cura di Redazione

Informazioni e contatti

Per qualsiasi informazione è possibile contattare l'organizzazione:
e-mail: accp@santantoniodisantadi.it
cell: 328 8604661 - 348.4604822 - 349 0934137

Categoria: Feste popolari - Segnalato il: 07/01/2016 - Visite alla scheda: 500

Sito internet: Sito ufficiale- Google Maps

Attenzione! Non abbiamo avuto notizie certe sullo svolgimento della prossima edizione. Sulla base delle precedenti edizioni l'evento dovrebbe iniziare mercoledì 10 gennaio 2018.

Prima di mettersi in viaggio vi consigliamo di contattare gli Enti Pubblici e/o Organizzatori.

Per segnalare eventuali errori scrivere a redazione@folclore.it

Commenti