Fuoco di Sant'Antonio 2018, Mamoiada

Attenzione! Non abbiamo avuto notizie certe sullo svolgimento della prossima edizione. Sulla base delle precedenti edizioni l'evento dovrebbe iniziare martedì 16 gennaio 2018 .

Prima di mettersi in viaggio vi consigliamo di contattare gli Enti Pubblici e/o Organizzatori.

Per segnalare eventuali errori scrivere a redazione@folclore.it

Una festa di buon auspicio per il futuro e all'insegna dell'allegria. A Mamoiada gli abitanti dei vari rioni concorrono nell'apportare la legna necessaria per il proprio falò, ma nessun nuovo albero viene abbattuto in quanto il gigantesco fuoco viene realizzato con le enormi radici dei vecchi alberi abbattuti negli anni passati.

I festeggiamenti veri e propri iniziano il pomeriggio del 16 Gennaio con l'accensione e la benedizione del fuoco in onore del Santo all'esterno della chiesa parrocchiale.

La tradizione vuole che ciascun rione accenda poi il proprio falò con un tizzone preso da questo fuoco, dopo la benedizione.

In ogni rione del paese la popolazione si raccoglie attorno ai grandi fuochi votivi. Questo è uno dei momenti di grande partecipazione sociale del paese che, si estende anche ai visitatori forestieri ospitati in ogni vicinato ai quali sono offerti del buon vino ed i dolci tipici del periodo.

E' proprio in occasione di questa festa che "escono", come si dice in paese, per la prima volta nell'anno 'sos Mamuthones e sos Issohadores' (una delle rappresentazioni più arcaiche del folclore isolano). Anche questa, non a caso, è una manifestazione per propiziare la nuova annata agraria.

Ultima verifica martedì 12 gennaio 2016 a cura di Redazione

Informazioni e contatti

Non possediamo informazioni di contatto.

Categoria: Feste popolari - Segnalato il: 12/01/2016 - Visite alla scheda: 730

Sito internet: Sito ufficiale- Google Maps

Attenzione! Non abbiamo avuto notizie certe sullo svolgimento della prossima edizione. Sulla base delle precedenti edizioni l'evento dovrebbe iniziare martedì 16 gennaio 2018.

Prima di mettersi in viaggio vi consigliamo di contattare gli Enti Pubblici e/o Organizzatori.

Per segnalare eventuali errori scrivere a redazione@folclore.it

Commenti