La Sartiglia a Oristano, Oristano

Inizia domenica 15 febbraio 2015 e termina martedì 17 febbraio 2015

La Sartiglia è un gioco equestre di antiche origini: pare siano stati i Crociati ad introdurla in Occidente, fra il 1118 e il 1200.

La sfilata dei costumi sardi Foto di Gianfranco Casu - Archivio Fondazione Sa Sartiglia onlus

Corsa all’anello di origine medievale che si corre ad Oristano in occasione dell’ultima domenica di carnevale e nel giorno del martedì grasso.

La Sartiglia della domenica di Carnevale si svolge sotto la protezione di San Giovanni Battista e le sue fasi cerimoniali sono organizzate e dirette dal Gremio, una sorta di corporazione dei Contadini, mentre il martedì i riti sono a cura del Gremio dei Falegnami, sotto la protezione di San Giuseppe.

La corsa alla stella è l’appuntamento più atteso di questo Carnevale. A bramare la stella appesa lungo il percorso è su Componidori, il vero protagonista della festa, che dietro una maschera androgina si lancia al galoppo di un cavallo mascherato, con la spada tesa nel tentativo di conquistarla.

I tamburini di Oristano, il cui suono ritmato si tramanda a memoria da secoli, avvisa solennemente della discesa in pista dei cavalieri. Assolutamente da non perdere l’occasione per poter gustare la vernaccia, un vino dalle origini molto antiche caratteristico della provincia di Oristano, e i mostaccioli di Oristano, aromatizzati al limone e alla cannella, rivestiti da una leggera glassa di zucchero.

Ultima verifica sabato 15 novembre 2014 a cura di Marco Panunzi

Informazioni e contatti

Fondazione Sa Sartiglia
Casella Postale 33 OR Centro
09170 Oristano
Tel 0783303159
Tel 0783772015
Fax 1782740952

www.sartiglia.info
www.fondazionesartiglia.info
info@sartiglia.info

Comune di Oristano
Piazza E. d'Arborea, 44
09170 Oristano
Tel 07837911
Fax 0783791229

Categoria: Rievocazioni - Segnalato il: 02/01/2001 - Visite alla scheda: 34.066

Sito internet: Sito ufficiale- Google Maps

Galleria fotografica

La sfilata dei costumi sardi Foto di Gianfranco Casu - Archivio Fondazione Sa Sartiglia onlus
Su Componidori benedice la folla Foto di Gianfranco Casu - Archivio Fondazione Sa Sartiglia onlus
La pariglia de Su Cumponidori Foto di Gianfranco Casu - Archivio Fondazione Sa Sartiglia onlus
Foto di Foto QSS Oristano
Foto di Foto QSS Oristano

Commenti

emanuele il lunedì 19 febbraio 2007 ha scritto:

Straordinaria!!!...ho fatto tantissima strada per vederla(da Porto Cervo)...ma ne è valsa veramente la pena...Correndo a destra e a sinistra son riuscito a scattare fotografie eccezzionalmente "espressive"naturalmente tutte rigorosamente senza flash!!...(Rispettiamo le richieste degli organizzatori!!!!!). Invito chiunque a lasciare per un momento qualsiasi tipo di attività e recarsi a vedere la Sartiglia... è un evento che nn ci si può di certo perdere. Complimenti ancora...anche agli organizzatori..veramente impeccabili. a presto!!

Valentina il venerdì 2 febbraio 2007 ha scritto:

Salve! Questo sarà il 3 anno che andrò alla sartiglia...é bellissima!! la consiglio a tutti coloro che non gradiscono i carri e le maschere,ma vogliono godersi uno spettacolo pieno di bellissimi vestiti della nostra tradiz. cavalli e tnt altro...io ci vado in treno da ca con le amiche..Sardi e continentali non xdetevela, passerete una splendida giornata.

Silvia il lunedì 27 febbraio 2006 ha scritto:

Buongiorno, ho assistito alla Sartiglia del 26 e sono rimasta favorevolmente impressionata, nonostante non sia riuscita praticamente a vedere bene nulla per via della grande folla. L'unico suggerimento che mi sento di dare è quello di utilizzare dei mega schermi per la cerimonia di vestizione de su Componidori, perchè stare in piedi, all'aperto per circa tre ore senza vedere assolutamente nulla, se non l'ingresso e l'uscita del fortunato, non è proprio il massimo dei passatempi!!! Vi auguro buon lavoro

Dai il tuo giudizio su questa festa

La pubblicazione dei commenti è uno strumento a supporto di chi visita il portale e vorrebbe partecipare a questo evento.

Ti preghiamo di non utilizzare questo spazio per l'invio di comunicazioni (correzioni, richieste di modifica, etc...) e di prendere visione del regolamento in basso. Per qualsiasi altra comunicazione utilizza l'indirizzo di posta elettronica redazione@folclore.it

Inserendo il commento sollevi Folclore da qualsiasi responsabilità e quindi Folclore non può essere ritenuto responsabile del contenuto dei tuoi commenti dei quali sei l'unico titolare.

Informazioni personali

L'indirizzo e-mail è necessario, ma non verrà mai pubblicato.
Commento e voto

Inserisci il risultato dell'operazione